lunedì 10 aprile 2017

Perchè leggere "Ritratto di dama" di Giorgia Penzo

Finalmente anche questo lunedì sta giungendo al termine, com'è iniziata la settimana?
Io sono stata di corsa tutto il giorno e non vedo l'ora che sia venerdì!
Oggi vi voglio parlare di un nuovo libro in uscita a marzo, s'intitola "Ritratto di dama" ed è scritto da  Giorgia Penzo, una ragazza di Reggio Emilia che ama il cinema (dove va almeno una volta a settimana), i giochi di ruolo (avete presente Vampire: The Masquerade e D&D?), la mitologia, l’Art Nouveau, divorare biografie di personaggi storici femminili e scappare a Parigi alla prima occasione. È una ragazza nerd nata nel posto sbagliato, nell’epoca sbagliata e laureata alla facoltà sbagliata. Scrivere è la sua più grande passione.
Se vi sete incuriositi potete trovare le sue Pubblicazioni: Qui
Ma continuiamo parlando del suo nuovissimo libro!


Titolo: Ritratto di dama
Autore: Giorgia Penzo
Editore: CartaCanta
Genere: narrativa romantica
Data di uscita: marzo 2017
Prezzo di copertina: € 13.00 (presto disponibile anche in ebook)
Pagine: 152
ISBN: brossura (9788896629970)
TBR Goodreads
Link Amazon
Link IBS


TRAMA

Parigi, notte di San Lorenzo.
Seduta su una panchina di fronte alla cattedrale di Notre Dame, una misteriosa ragazza ha tutta l’aria di aspettare qualcuno.
Uno studente di storia dell’arte – Guillaume – la nota da lontano, apparentemente per caso. Appena incrocia il suo sguardo ha un sussulto: è identica alla famosa Belle Ferronnière ritratta da Leonardo da Vinci, quadro a cui è molto legato.
Sono estranei eppure non si comportano come tali. La complicità che li coglie sin dal primo istante li sconvolge, come se avessero vissuto mille vite insieme da qualche parte nel tempo ma nessuno dei due ne conservasse la memoria. Comincia così – quasi per gioco – la loro passeggiata attraverso la Ville Lumiere, mentre le stelle cadenti rigano il cielo. Dal cimitero di Père-Lachaise fino al cortile del Louvre – passando per gli Champs Elysées, dai giardini delle Tuileries e da un bistrot dove tutto pare essersi fermato alla Belle Époque – i due discutono di ciò di cui è fatta la vita: libri, fato, desideri, morte. Ma soprattutto d’amore.
Quello di cui la ragazza non parla è il segreto che custodisce da sempre, in bilico tra il reale e l’impossibile. Chi è lei veramente? Troverà il coraggio di aprire il suo cuore a Guillaume e sfidare il destino?
L’alba incombe, la scelta è vicina. Poi niente sarà più come prima.


Ho chiesto a Giorgia perche i lettori dovrebbero leggere il suo libro e la sua risposta mi è piaciuta moltissimo, ecco che mi ha detto:

"Questo libro è un invito ad andare a Parigi, a scoprire quanto sia magica e incantevole nella sua quotidianità. Sarebbe bellissimo se le persone, girata l’ultima pagina, avessero voglia di tornarci o visitarla per la prima volta. Più di tutto, però, vorrei che Ritratto di dama lasciasse ai lettori quello che ha lasciato a me: il desiderio di non smettere mai di rincorrere i propri sogni, per quanto irrealizzabili sembrino."

Che dire, se non siete ancora convinti, vi lascio con un paio di citazioni tratte dal libro, io adoro Parigi anche se purtroppo non ci sono mai stata, voi lettori che ne pensate di questa nuova uscita? siete incuriositi?


2 commenti:

  1. Ciao Emili, l'autrice mi ha inviato questo suo romanzo e devo dire che ne sono rimasta molto incuriosita, infatti presto lo leggerò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annamaria! Aspetterò con ansia la tua recensione allora :)

      Elimina