domenica 5 marzo 2017

Recensione "Miss Peregrine la casa dei ragazzi speciali" di Ransom Riggs

Titolo:

Miss Peregrine la casa dei ragazzi speciali

Autore: Ransom Riggs
Prezzo Cartaceo: €18.00
Prezzo Ebook: €9.99

Trama:
"Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista o qualcos’altro, qualcosa di vivo e ancora pericoloso? Jacob decide di attraversare l’oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri orfani scampati all’orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e reperti di vite lontane, il ragazzo potrà stabilire se i racconti del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, siano stati solo invenzioni, buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, in quelle parole ci sia almeno un granello di verità, come suggerisce la strana collezione di fotografie d’epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle immagini ingiallite, bizzarre e inquietanti, fossero davvero speciali, dotati di poteri straordinari, forse addirittura pericolosi? Possibile che quei bambini siano ancora vivi, e che si preparino a fronteggiare una minaccia oscura e molto più grande di loro? Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali, un caso letterario internazionale, ha venduto più di un milione e mezzo di copie in tutto il mondo."

Recensione:
Avevo sentito nominare spesso questo libro, però non me ne sono mai interessata più di tanto; quando vedo che un libro è molto letto e discusso tendo a perdere interesse, chissà perchè.
Poi ho visto il trailer del film ed ho capito che la curiosità avrebbe avuto la meglio anche sta volta e così è stato: finalmente posso dire anche io di aver letto questo libro!
La storia mi è piaciuta molto, ho apprezzato in modo particolare l'atmosfera antica che si respira fin dall'inizio e la magistrale fusione tra realtà e fantastico.
Tutto ha inizio quando Jacob, un sedicenne americano privilegiato ma emarginato dai suoi coetanei, trova suo nonno in fin di vita in giardino.
Il nipote era stato avvertito da una chiamata molto agitata dell'anziano e il ritrovarlo gravemente ferito porta Jacob a mettere in discussione tutto quello che credeva di sapere su di lui.
Improvvisamente tornano vividi i racconti fantasiosi del nonno, ai quali Jacob aveva smesso di credere una volta finita l'infanzia, ma il ragazzo non può ignorare il fatto di aver visto per pochi istanti il mostro che ha aggredito suo nonno.


Così ha inizio un periodo terribile per Jacob: terrorizzato dal mostro semi umano che perseguita i suoi sogni e con le ultime enigmatiche parole del nonno alle quali cerca di trovare un significato.
Nessuno crede alla sua versione dei fatti e piano piano, grazie a terapie e a sedute psichiatriche, anche Jacob si convince di aver avuto un'allucinazione dovuta al momento di stress e che suo nonno è stato ferito da un branco di cani selvatici.
Ma le ultime parole dell'anziano continuano a tornare in mente al ragazzo e lentamente iniziano ad acquistare senso ed è così che Jacob si rende conto di dover ripercorrere l'infanzia del nonno, per poter superare del tutto la terribile vicenda che ha vissuto.
Grazie all'aiuto del suo psichiatra, Jacob riesce a convincere i suoi genitori a farlo partire alla ricerca dell'anziana direttrice dell'orfanotrofio, dove suo nonno trascorse la sua infanzia, durante la seconda guerra mondiale e dove sono ambientate tutte le fantasiose storie, che hanno affascinato e spaventato Jacob sin da quando era un bambino.
Il viaggio lo porterà in un piccolo paesino su una minuscola isola inglese, dove Jacob riuscirà a scoprire la verità su suo nonno, sulle sue origini e vivrà delle inaspettate avventure.

La storia è misteriosa ed avvincente, ma anche e soprattutto la definirei grottesca, in quanto si parla spesso di mostri, paure e più in generale di cose macabre.
Queste caratteristiche hanno reso la storia originale ed emozionante, mi è piaciuto soprattutto il fatto che Jacob abbia dovuto trovare il coraggio di affrontare i suoi incubi.
Il libro si presenta con una grafica spettacolare che riesce a immergere il lettore nell'atmosfera antica e grottesca, infatti la lettura è accompagnata da fotografie in bianco e nero che hanno una precisa attinenza con la storia e le troviamo al momento giusto nella narrazione.
Alcune fotografie le ho trovate decisamente inquietanti, forse perché ho letto questo libro principalmente di notte, ma hanno contribuito a creare l'atmosfera giusta.
Le uniche pecche che ho notato in questa storia sono state le descrizioni dei personaggi che sono tutte molto sintetiche, ma probabilmente è colpa mia perché ci sono le fotografie che aiutano a visualizzare realisticamente i personaggi, solo che presa dalla lettura spesso non le guardavo attentamente.
Mi sarebbe piaciuto anche poter conoscere meglio alcuni personaggi secondari che compaiono saltuariamente, perchè ho notato che verso la fine facevo un po' di confusione con i nomi.
Ma in ogni caso questo libro mi ha piacevolmente sorpresa e come altri lettori prima di me, lo consiglio caldamente a tutti coloro che vogliano vivere una magica avventura.

Giudizio:


Personaggio preferito:
Mi sono piaciuti molti personaggi di questa storia, ma quello che mi ha affascinata di più è il nonno di Jacob, perche è una figura avvolta dal mistero, con una strabiliante vita alle spalle e spero di scoprire altro su di lui nei prossimi libri.

 

2 commenti:

  1. Un libro davvero bello, ho preso anche i seguiti devo però ancora leggerli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io devo ancora prenderli, ma aspetto un po perché tanto ne ho un mucchio da leggere :)

      Elimina