mercoledì 16 novembre 2016

Tutta colpa di Freud

Buona sera cari lettori, come sta andando la vostra settimana?
La recensione de "La ragazza del treno" è quasi pronta, ma oggi voglio proprio parlarvi di un bellissimo film che hanno trasmesso ieri sera su canale 5, perciò ecco un nuovo post per la rubrica:



Titolo: Tutta colpa di Freud
Anno: 2014
Regista: Paolo Genovese
Durata: 120 min

Trama:
Un padre single che di professione fa lo psicologo si trova alle prese con le sue tre figlie e i loro problemi d'amore.
La maggiore è Sara, lesbica che dopo una delusione amorosa decide di diventare etero, poi c'è Marta che gestisce una piccola libreria e che è alle prese con un ladruncolo molto speciale e infine la "piccola" Emma (18 anni) che si fidanza con un uomo  molto più grande e per di più sposato.
Riusciranno tutti ad avere il loro lieto fine questa volta?

Trailer:

Perchè mi ha colpita:
Questo film viene definito come commedia e sicuramente lo è, ma è anche una riflessione sulle varie sfaccettature che può assumere l'amore e di come si può cambiare per esso.
Vediamo l'immenso amore di un padre, che ha dedicato tutta la vita alle sue figlie e che divide con loro uno splendido rapporto.
Poi c'è l'amore giovanile, ingenuo e speranzoso e quello più maturo che sembra ormai consumato dalla routine, ci sono le reazioni estreme ad una grande delusione e gli sforzi che si fanno per la persona amata.
Le varie storie sono intrecciate ma comunque abbastanza interdipendenti, ho apprezzato molto la morale ed etica del padre delle ragazze e tra le figlie ho adorato Marta, con la sua piccola libreria e con la sua storia.
E' un film divertente ma non demenziale, l'ho trovato dolce e mi ha trasmesso molte emozioni positive.

Curiosità:
Da questo film è stato tratto un libro (quanto è strano scrivere una frase del genere), scritto proprio da Paolo Genovese e pubblicato con il titolo omonimo a quello del film.



Voi l'avete visto questo film?? Che ne pensate?

Nessun commento:

Posta un commento