giovedì 28 luglio 2016

La leggenda del pianista sull'oceano

Per la Rubrica:





Titolo:La leggenda del pianista sull'oceano
Anno:1998
Regista:Giuseppe Tornatore
Musiche:Ennio Morricone
Durata:165 min

Trama:
Un neonato abbandonato in una cesta nella prima classe di una grande nave viene adottato da un macchinista di colore che lo alleva in modo bizzarro, come bizzarro è il nome che ha scelto per il piccolo: Danny Boodman T.D. Lemon Novecento.
Il bambino diverrà il più grande "solleticatore d'avorio dei sette mari", senza mai scendere dalla nave e toccare terra conoscerà il mondo attraverso i tanti passeggeri della nave, e conoscerà anche l'amore.
Ma può un uomo nato in mare e vissuto sempre su una nave, con la sua musica come compagna, mettere radici in un unico luogo e vivere una vita "normale"? 


Trailer Italiano
La qualità del video purtroppo è pessima


Trailer Inglese


Perchè mi ha colpita:
Un film che è una favola, sia per la trama che per i dialoghi, ma soprattutto per le musiche.
Un film su un pianista non sarebbe nulla senza delle musiche spettacolari, che riescano a trasmettere emozioni anche a chi non ne capisce nulla (come la sottoscritta) o a chi pensa che la musica classica sia noiosa.
Vi innamorerete dell'innocenza di Novecento, un'uomo curioso e ancora un po' ingenuo come un bambino, ma con il suo talento vi conquisterà tutti.
La sua incredibile storia e il mistero del perchè in tanti anni non abbia mai voluto lasciare la nave su cui è nato e scendere a terra vi accompagnerà in tutto il film.
La voce narrante è quella del amico e collega Max Tooney, che con fare ironico accompagna lo spettatore nelle molte riflessioni che questo film porta a fare.
Merita di essere visto almeno una volta nella vita!

Curiosità:
Questo credo sia l'unico caso in cui ho preferito il film al libro da cui è tratto, cioè Novecento di Alessandro Baricco.
Prima di essere picchiata ci tengo a precisare che anche il libro mi è piaciuto, ma il film è più completo a mio parere e poi io non ho proprio fantasia musicale perciò leggendo non riuscivo a immaginare le meravigliose canzoni suonate da Novecento.


3 commenti:

  1. Ho visto questo film in un momento critico, sono, ovviamente, scoppiata a piangere alla fine!
    Il libro da cui è tratto è tra i miei preferiti in assoluto!
    Quindi, beh, consiglio a tutti di leggere il libro e guardare il film!
    Per me libro e film sono pari.

    RispondiElimina
  2. Si anche io piango sempre e le musiche fanno venire i brividi!

    RispondiElimina
  3. Si anche io piango sempre e le musiche fanno venire i brividi!

    RispondiElimina